SAN FLORIANO cm 12 in resina dipinto a mano

15,00

San Floriano era un veterano dell’esercito romano che viveva a Mantem presso Krems. Avendo saputo che Aquilino, preside del Norico Ripense, durante la persecuzione di Diocleziano, aveva arrestato a Lorch quaranta cristiani, desiderando di condividerne la sorte si recò in quella città. Prima di entrarvi, però, si imbatté in alcuni soldati, ai quali manifestò di essere cristiano; fu perciò arrestato e condotto dal preside, il quale non riuscendo a farlo sacrificare agli dei, lo fece flagellare e quindi lo condannò ad essere gettato nel fiume Enns con una pietra al collo: la sentenza fu eseguita il 4 maggio 304. I1 corpo del martire fu, in seguito, ritrovato e seppellito da una certa Valeria. Fin qui l’agiografia cattolica. Nel Vudu dominicano questo santo diventa Atacuà Balenyò e viene considerato il principe degli Ogunes. Nel Vudu haitiano invece è Odun Demanyé (Ogun due maniere) è considerato un lwà androgino, educato nei modi e molto bello, al punto di esercitare un fascino accattivante sia sugli uomini che sulle donne. La sua bellezza fa si che venga invocato spesso dagli omosessuali uomini per sedurre una persona del proprio sesso; si ritiene addirittura che il fascino donato da questo misterio riesca a conquistare anche gli eterosessuali più convinti.

Descrizione

San Floriano era un veterano dell’esercito romano che viveva a Mantem presso Krems. Avendo saputo che Aquilino, preside del Norico Ripense, durante la persecuzione di Diocleziano, aveva arrestato a Lorch quaranta cristiani, desiderando di condividerne la sorte si recò in quella città. Prima di entrarvi, però, si imbatté in alcuni soldati, ai quali manifestò di essere cristiano; fu perciò arrestato e condotto dal preside, il quale non riuscendo a farlo sacrificare agli dei, lo fece flagellare e quindi lo condannò ad essere gettato nel fiume Enns con una pietra al collo: la sentenza fu eseguita il 4 maggio 304. I1 corpo del martire fu, in seguito, ritrovato e seppellito da una certa Valeria. Fin qui l’agiografia cattolica. Nel Vudu dominicano questo santo diventa Atacuà Balenyò e viene considerato il principe degli Ogunes. Nel Vudu haitiano invece è Odun Demanyé (Ogun due maniere) è considerato un lwà androgino, educato nei modi e molto bello, al punto di esercitare un fascino accattivante sia sugli uomini che sulle donne. La sua bellezza fa si che venga invocato spesso dagli omosessuali uomini per sedurre una persona del proprio sesso; si ritiene addirittura che il fascino donato da questo misterio riesca a conquistare anche gli eterosessuali più convinti.

Informazioni aggiuntive

Peso 2 kg